Ciao Aldo, grazie

Aldo Pessina, uno dei più cari amici di Silvio Moser ci ha lasciato.

Aldo, uno dei più cari amici di mio padre ci ha lasciato



Lugano 01.02.2024

Cari amici,

Ci troviamo oggi uniti nel dolore per la scomparsa di Aldo, uno degli amici più cari di mio padre e, di conseguenza, una figura significativa anche nella mia vita. La notizia della sua partenza ha lasciato un vuoto immenso nel mio cuore e in quello di tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo.
Aldo ha avuto un ruolo fondamentale nel farmi scoprire chi fosse veramente mio padre, non solo attraverso i ricordi e le storie condivise, ma anche grazie al libro che scrisse insieme ad alcuni compagni d'avventura, tra cui Beat Schenker. Quest'opera non solo mi ha permesso di conoscere le gesta di mio padre come uomo e pilota, ma ha anche aperto una finestra su un'epoca di coraggio e di sfide, di cui Aldo è stato protagonista insieme a lui.
La sua capacità di mantenere vivo il ricordo di mio padre mi ha profondamente toccato; Aldo non lo ha mai dimenticato, e io porterò Aldo nel cuore per sempre. La sua figura resterà per me come una guida invisibile, un faro che mi illuminerà nei momenti di dubbio e nelle decisioni importanti della vita.
Con la scomparsa di Aldo, non perdo soltanto uno degli amici più cari, ma noi tutti perdiamo un pezzo vivente di quelle storie leggendarie, quei viaggi avventurosi verso l'Argentina, da cui si tornava non solo con l'animo arricchito, ma anche pieni di coppe e trofei. Era un'epoca di gloria e di sogni condivisi, che oggi ci sembra tanto lontana, eppure così vicina, grazie al ricordo di persone straordinarie come Aldo.
In questo momento di commiato, voglio esprimere la mia gratitudine infinita per tutto ciò che Aldo ha rappresentato per me e per la nostra famiglia. Il suo ricordo vivrà eternamente nei nostri cuori, come simbolo di amicizia vera e di tempi gloriosi che, attraverso la sua memoria, continueranno a ispirarci.

Jim Moser (figlio di Silvio Moser)


Aldo e gli amici del Ristorante Galleria.




Arnold vince il campionato HSCC Historic F2 2023 con la Brabham BT36



Dopo 12 gare distribuite su sei eventi di alta qualità in quattro paesi diversi, il pilota svizzero Luciano Arnold, cugino di secondo grado di Silvio Moser, è stato confermato come il miglior punteggio complessivo nella Historic Formula 2 Trophy del Historic Sports Car Club per il 2023.



Arnold ha guidato la sua Brabham BT36 (ex Silvio Moser) con velocità e stile durante la stagione ed è emerso come campione nella classe Jochen Rindt per le vetture Formula 2 da 1600cc dei primi anni '70.

Con un totale di 46 concorrenti provenienti dal Regno Unito e dall'Europa, che guidavano vetture di otto diversi produttori, è stato un altro anno ricco di partecipazione per la Historic Formula 2, con griglie di qualità eccellente e vetture splendidamente presentate. Nella prossima stagione, HSCC e HVM Racing collaboreranno per continuare lo sviluppo della Formula 2 come una delle categorie principali nelle gare storiche europee per monoposto.



Più info